rassegna stampa “Scroscio”


Alcuni estratti dalla rassegna stampa di “Scroscio”:

“Sa di vivere nell’era del corpo Eleonora Danco……che nel suo nuovo a solo “Scroscio” va e viene da un barattolone di crema di bellezza… Oratrice spregiudicata alla Céline…irriducibile, generosa.”
Rodolfo di Giammarco, La Repubblica

“A carponi dentro un barattolo di crema gigante,gira freneticamente ripetendo trentotto anni, trentotto anni, trentotto anni…poi si alza e da quel momento è un fiume… Un’artista capace con una cifra stilistica decisamente autonoma di creare un teatro di poesia e di carne, un teatro che brancola tra la sofferenza e l’ironia.”
Andrea Pocosgnich, supereva.it

“Imprigionata in un barattolo di crema, tra la volontà di integrarsi e una congenita impossibilità a essere normale…in scena Eleonora Danco sfocia in una padronanza di se e dei suoi mezzi artistici da risultare quasi irritante…”
Attilio Scarpellini, L’Unità

“Un testo ispirato a Taxi Driver, Eleonora Danco è imprevedibile e i suoi spettacoli, considerati oramai di culto, sono sempre pronti a stupire lo spettatore, dal suo corpo possono scagliarsi in un colpo solo migliaia di voci, personaggi, parole. Non c’è consolazione non c’è morale nell’opera di questa furia del teatro…
Rosella Bettinardi, Il Riformista

“Uno spettacolo unico, particolare, fisico e ad alta tensione emotiva. Una performance violenta e poetica.” Cristina Archilletti, Romaweek

“La Danco scrive, recita, dirige, scavalcando qualsiasi recinto che ne imbrigli l’esplosiva creatività. In scena è radicale, fisica e commovente. Quando la critica parla di lei, ne accosta la poetica a quella di Pasolini, l’immaginario a quello di Fellini, l’estetica a quella del cinema neorealista. Non perdete Scroscio.” Francesco Ruffini Romac’è

“Il rapporto della protagonista con gli uomini, sono giochi di forza, gare di resistenza, attese, che lasciano chiodi nella pancia…”
Federico Raponi Liberazione

“…Il lavoro smaschera una depressione consumata nella ricerca di situazioni sbagliate. Che condannano a farsi allontanare, ad alienarsi spontaneamente…” Tiberia de Matteis, Il Tempo

“Eleonora Danco è immersa come la Winnie di “Giorni Felici” lo era nel suo beckettiano monticello di sabbia” Paola Polidoro Il Messagero

“Eleonora Danco si immerge in un barattolo di crema, ci sguazza, ne esce per cercare soldi, affetto, sesso, frulla e scaglia in faccia al pubblico una visione del mondo estrema, il fiume di parole viene straordinariamente distribuito… ognuno di noi può ritrovare un pezzo di se”
Andrea Monti TeatroTeatro.it
“…Una condizione metaforica, che riassume lo stato di alterazione della realtà”
Il Manifesto
“Quando la crema serve per idratare il male di vivere” DNewns

“Inquieta maestra dell’assolo, Eleonora Danco è regista e interprete dei suoi testi ormai di cult” Zoraide Cremonini

Annunci

~ di eleonoradanco su febbraio 4, 2010.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: